Pasquale Schiavone l’ha letto per noi: Operazione Portofino, di Roberto Centazzo

12112454_10206912638046605_389752386673052528_n_edited(di Pasquale Schiavone)

“Squadra speciale minestrina in brodo” OPERAZIONE PORTOFINO di Roberto Centazzo  è  un romanzo che si legge velocemente, diverte, appassiona e coinvolge, con un profondo tocco di amarezza e di noir.
Confermando  ancora una volta l’abilità descrittiva e narrativa dello scrittore savonese, con uno stile diverso ma sempre incisivo. Era una prova molto impegnativa abbandonare la figura sicura di Toccalossi, che appare citato in un paio di occasioni, ma brillantemente superata e a pieni voti.Tutta la narrazione viene descritta dal punto di vista di Pammattone. Simpatici e scorbutici, giovani e prestanti ma in pensione, annoiati ed indaffarati, si presentano come un sorprendente contrasto vivente di cui rimaniamo affascinati pagina dopo pagina
“Ferruccio Pammattone, ex sostituto commissario e vice dirigente alla Squadra mobile, Eugenio Mignogna, ex sovrintendente alla Scientifica, Luc (e non Luca per un errore dell’impiegato all’anagrafe) Santoro, ex assistente capo all’Immigrazione, hanno molte cose in comune: sono amici da una vita, si sono arruolati insieme nel lontano 1975 e sono stati appena congedati per raggiunti limiti d’età. Ma alla pensione non possono e non vogliono abituarsi. Si annoiano. Così, mentre chiacchierano sul lungomare di Genova, pensano che potrebbero rimettersi subito in azione, per dedicarsi finalmente a tutti quei casi che, per un motivo o per l’altro, non hanno mai potuto affrontare quando erano in servizio.

Adesso, finalmente, non devono rendere conto a nessuno, soltanto alla loro coscienza che li spinge a indagare, al loro stomaco che s’infiamma alla vista di un wurstel e alla loro prostata che reclama una sosta. Ferruccio Pammattone nome in codice Semolino (se mangia pesante si riempie di macchie rosse ed è costretto a una dieta durissima), Eugenio Mignogna nome in codice Kukident (per festeggiare la pensione si è regalato una smagliante dentiera) e Luc Santoro nome in codice Maalox (soffre di atroci bruciori di stomaco).

roberto-centazzo-322908Ci troviamo di fronte a una indagine di polizia condotta da tre sessantenni , che  pur di sfuggire al senso di inutilità dell’ozio forzato decidono di chiudere una pratica rimasta aperta nell’archivio del più alto in grado fra loro, che si sente fra l’altro responsabile del fatto che, per non aver trovato il tempo di chiuderla, ci sia nel frattempo scappato il morto… Si sta verificando una serie sempre più numerosa di furti di automobili di lusso, qualcosa che riporta la mente del commissario Lugaro,  ed è proprio da qui che i tre dovranno partire per cominciare la loro indagine e arrivare a scoprire l’organizzazione che è dietro tutto quello che sta accadendo. Il “caso” è solo la scusante per addentrarci nelle vicende personali dei tre che diventano ben presto “amici” del lettore.  Ma dietro le battute, i guai della vecchiaia che fanno sorridere, le situazioni al limite del paradossale, c’è spazio anche per raccontare di come gira il mondo.
Come funzionano le cose dentro i commissariati e le Questure: la burocrazia per compilare scartoffie con cui gonfiare le statistiche care al ministero. I soldi che mancano per finanziare le iniziative dei singoli agenti che così si riducono a semplici burocrati.”
Cosa piace di questo romanzo?. Il fatto che lo si possa tranquillamente apprezzare e capire pur non avendo letto il precedente.
RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI A RISOLVERE IL CASO E  AD INCASTRARE I COLPEVOLI?

Scopri di più cliccando su Roberto Centazzo: sito WEB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.